Il miglior alleato contro la ritenzione idrica è la Natura


Ritenzione idrica? Ne sentiamo parlare molto in questo periodo, oggi vediamo insieme come combatterla affidandoci ad un grande alleato, la natura.

È vero che il nostro corpo è composto per il 65% di acqua, ma è altrettanto vero che accumularne in eccesso può causare vari tipi di problemi, il più comune dei quali è la ritenzione idrica, ossia un’anomala distribuzione di liquidi in differenti distretti corporei.

Le cause di questo fenomeno vanno ricercate sia in fattori congeniti quali la componente ormonale o difetti circolatori che, rallentando la normale circolazione provocano aumenti di pressione dei vasi sanguigni con successiva fuoriuscita di liquidi nei tessuti, sia in abitudini quotidiane sbagliate di cui spesso non ci rendiamo conto.

Una su tutte è la cattiva alimentazione: l’abuso di sale, per esempio, agevola il fenomeno della ritenzione idrica mentre la vita sedentaria o un abbigliamento troppo fasciante provocano la compromissione del circolo veno-linfatico, facilitando l’accumulo dei liquidi in eccesso.

Come spesso accade, la migliore cura è la prevenzione, ma siccome la ritenzione idrica è un problema che è necessario capire come contrastarla nel modo più naturale possibile. Un valido supporto contro il gonfiore è fornito da alcuni estratti o derivati vegetali, in particolare la Lespedeza Capitata e l’Ortosifon.

La Lespedeza è un arbusto di origine asiatica dal quale si ricava un estratto ricco di flavonoidi, sostanze in grado di favorire il benessere dei vasi sanguigni, in particolare dei capillari, e di coadiuvare i reni nella loro attività di eliminazione di scorie, tossine e liquidi in eccesso che ristagnano nei tessuti.

L’Ortosifon, detto anche tè di giava, è invece una pianta originaria dell’Indonesia le cui foglie contengono oli essenziali, flavonoidi, vitamine e sali minerali, in particolare sali di potassio. La loro attività più importante e interessante è quella di favorire l’eliminazione renale di cloruro di sodio e quindi di acqua.

Un’altra pianta estremamente valida come drenante è la Betulla, un albero caratterizzato dalla corteccia bianca e liscia che tende a sfogliarsi con l’avanzare dell’età. Le foglie di questa pianta esercitano un notevole effetto drenante, senza comportare un’eccessiva perdita di sali minerali, eliminando quindi i liquidi in eccesso senza sottrarre nutrimento all’organismo.

Si tratta, come abbiamo visto, di sostanze del tutto naturali che possono trovarsi sotto forma di compresse o drenanti liquidi cui spesso vengono aggiunte le proprietà drenanti della frutta, in particolare del Mirtillo e dell’Ananas. Il Mirtillo, oltre a essere un frutto delizioso, contiene sostanze antiossidanti in grado di migliorare la resistenza dei capillari e la loro funzionalità. L’Ananas dal canto suo facilita la riduzione dei liquidi in eccesso grazie alla presenza di acido citrico, malico ed ossalico.

dxtxa
About me

To update Biographical Info , go to: http://yourwebsite/wp-admin/profile.php

YOU MIGHT ALSO LIKE

Cistite? No problem grazie ai rimedi naturali!
July 04, 2016
Il Goji, un frutto dai molteplici benefici
May 03, 2016
Menopausa: come affrontarla al meglio
March 03, 2016
Melograno, i mille benefici di un frutto bello e buono
February 23, 2016
Tè Viola, un alleato naturale per la perdita di peso
January 03, 2016
La ritenzione idrica: 5 cause
September 03, 2015
Rimedi ritenzione idrica: eccone 4
August 03, 2015

Leave a comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *